Le notizie più aggiornate su cinema, serie e tv

Ghostbusters Legacy: la nostra recensione in anteprima

In sala dal 18 novembre

0 45

Un film che ha l’ambizione di riprendere in mano un cult assoluto, omaggiarlo e dargli un seguito coerente e avvincente, deve contare su una sceneggiatura adeguata, ma deve aggiungerci anche tanto cuore: in Ghostbusters Legacy nulla manca di questi elementi e siamo certi che piacerà ai nostalgici e anche ai ragazzi che sono nati un quarto di secolo più tardi rispetto alle vicende raccontate nei primi due film.

Arrivati in una piccola città, una madre single e i suoi due figli iniziano a scoprire la loro connessione con i celebri Acchiappafantasmi e la segreta eredità lasciata dal nonno. Oggetti iconici, riferimenti alle imprese compiute nella Manhattan degli anni Ottanta assediata dagli spiriti: quei tasselli che a un occhio poco attento poterbbero sembrare slegati tra loro, man mano si ricongiungono armoniosamente.

Scritto da Gil Kenan e Jason Reitman (che è anche il regista), il film è prodotto da Ivan Reitman, che ha diretto i primi due capitoli della saga originale. Questo passaggio di consegne di padre in figlio rappresenta anche il transito generazionale che avviene nella pellicola: la protagonista è la nipote di Egon Spengler, interpretato dal compianto Harold Ramis al quale il film è dedicato. Sui ritorni e sulle implicazioni che avranno gli altri protagonisti storici non diremo olte, per non rovinare la sorpresa. Quello che possiamo preannunciare è sicuramente una trama che si svolge in modo originale, senza mancare di rendere diversi ed emozionanti omaggi alla storia del 1984.

 

Nel cast Carrie Coon, Finn Wolfhard, Mckenna Grace, Annie Potts e Paul Rudd. I nuovi protagonisti sono figli del nostro tempo, ma guardano con rispetto al passato, a chi li ha preceduti, ricongiungendosi armoniosamente a un filone narrativo che affascina in ogni epoca. C’è molta azione, ironia sagace, attenzione ai dettagli: insomma, sarà davvero naturale affezionarsi a questi nuovi personaggi e farsi coinvolgere nelle loro storie! Tra i produttori esecutivi anche Dan Aykroyd, sceneggiatore e protagonista dei primi due film nel ruolo di Ray Stantz.

 

Un’importante raccomandazione, prima di andare a vedere questo film al Cinema: non alzatevi dalla poltrona dopo i titoli di coda: i post credits sono due e vanno guardati con attenzione, fino all’ultimo fotogramma!

Ecco il trailer:

Leave A Reply

Your email address will not be published.