Le notizie più aggiornate su cinema, serie e tv

Sigourney Weaver incontra il pubblico alla Festa del Cinema di Roma

L'attrice è in questi giorni in Italia per partecipare alla kermesse cinematografica

0 558

Elegantissima e con uno stuolo di fan che l’hanno attesa per tutto il pomeriggio, per catturare uno sguardo durante la passerella sul red carpet, o semplicemente starle vicino per qualche attimo: così Sigourney Weaver è arrivata all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

L’attrice, che ha lavorato con grandi nomi come Ridley Scott, Roman Polanski, James Cameron (soltanto per citarne alcuni) ha poi risposto ad alcune domande riguardo ai film che l’hanno vista protagonista.

 

 

Quanto ha contato nella tua carriera il film Ghostbusters?

Moltissimo. A mio avviso il genere fantascientifico è molto sottovalutato, invece rappresenta una parte importante della nostra cultura: molti scrittori americani si sono occupati di fantascienza, in quanto ci fa porre domande esistenziali a cui ancora non si è data una risposta.

 

A proposito di fantascienza: parliamo di Avatar…

James Cameron ha molto rispetto per questo genere: Avatar non è un film sugli effetti speciali e il regista in questo film ha colto il vero senso della storia. Per questo motivo ha avuto un successo incredibile.

 

Com’è stato recitare nel film Gorilla Nella Nebbia?

Non credevo fosse possibile lavorare con degli animali. Sono stata fortunata a vivere per tanto tempo a contatto con Dian Fossey e il suo gruppo di studio. Inoltre, adoro recitare la parte di personaggi reali.

 

Preferisci ricevere direttive precise dai registi, o piuttosto improvvisare?

Dipende dal regista: Roman Polanski, ad esempio, ti dice esattamente cosa fare. A me non piace molto improvvisare, credo ci sia bisogno di un percorso da seguire.

 

Spesso ti fanno interpretare la parte della cattiva: che ne pensi?

C’è un po’ di me in alcun ruoli, anche in quelli più cattivi.

 

Ci sono dei registi con cui ti piacerebbe lavorare?

Certo! Mi piacerebbe collaborare con diversi registi, come Luca Guadagnino e Martin Scorsese.

 

 

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.