Le notizie più aggiornate su cinema, serie e tv

The End of the F…ing World: la nuova serie di Netflix

Una serie tv sull'adolescenza raccontata in modo semplice, ma efficace

0 741

Non è facile narrare con tanto realismo e senza banalità uno dei momenti più difficili della vita di tutti noi: l’adolescenza. The end of the f…ing world, serie uscita su Netflix a gennaio, ci riesce bene ed è questo uno dei motivi per cui ve la consigliamo.

Gli appassionati di fumetti hanno già avuto modo di seguire le vicende dei protagonisti James (Alex Lawther) e Alyssa (Jessica Barden) nel loro avventuroso e disperato viaggio on the road. La serie, di Charlie Covell (attrice e autrice britannica) è basata infatti su un fumetto uscito nel 2007 di Charles S. Forsman.

Ci sono voluti dieci anni per la trasposizione televisiva, ma crediamo ne sia valsa la pena. Le otto puntate da venti minuti ciascuna della prima stagione si seguono tutte d’un fiato. Sebbene all’inizio si possa rimanere un po’ destabilizzati dall’atteggiamento ribelle e apparentemente senza scrupoli dei personaggi, siamo portati presto a stare dalla loro parte.

Nonostante le azioni che commettono, i due ragazzi hanno una sensibilità molto profonda e sono capaci di forti sentimenti. Sembrano avere poco in comune: lei è all’apparenza superficiale e strafottente, lui introverso e remissivo; sorprendentemente, invece, hanno tante cose che riescono a far sì che si leghino fortemente l’uno all’altra: entrambi hanno una situazione familiare disastrata e vivono senza una forte presenza genitoriale.

Il loro viaggio contro le regole è un viaggio parallelo e, anzi, contrapposto a quello degli adulti; quasi come se i due volessero ritagliarsi uno spazio avulso dalla realtà circostante.

Considerato il finale, non si deve aver pensato a una seconda stagione, ma questo non è detto. Seppure in poche e brevi puntate, avrete modo di affezionarvi a questa vicenda e a entrare in stretto contatto con le vite di due ragazzi, che vivono una giovinezza fin troppo disillusa, ma conservano nonostante tutto una schiettezza e una fiera disinvoltura tipiche della loro età.

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.