Le notizie più aggiornate su cinema, serie e tv

Old Man And The Gun: la nostra recensione in anteprima

Distribuito da Bim Distribuzione, nelle sale dal 20 dicembre

0 345


Incredibile pensare che un attore come Robert Redford abbia deciso di ritirarsi dalle scene: il suo ultimo film, Old Man And The Gun è la perfetta dimostrazione di questo pensiero. 

Questo lungometraggio, nelle sale dal 20 dicembre, segna l’addio ufficiale  di Redford al grande schermo. E si tratta davvero di un addio in grande stile: il protagonista è un ladro gentiluomo, che non commette rapine in banca per sbarcare il lunario, ma ha fatto del brivido la sua ragione di vita.

La trama si basa su una storia realmente accaduta, quella di Forrest Tucker, raccontata dal regista David Lowery. Tucker mette su una banda davvero sui generis: quella dei ‘vecchietti d’assalto’, specializzati appunto nel rapinare banche.

Ottantadue anni e non sentirli: è davvero il caso di dirlo, sia per l’attore sia per il personaggio che interpreta. Nulla è malinconico, o triste, sebbene non manchino delle riflessioni sul tempo che passa. Tucker/Redford affronta l’età con il fascino e la signorilità che solo lui riesce ad avere e trasmette allo spettatore solo sensazioni positive.

Redford non è l’unico artefice della godibilità di questo film: accanto a lui due coprotagonisti di spessore: l’attrice Sissy Spacek e Casey Affleck, il poliziotto antagonista. L’ambientazione Anni Settanta e la colonna sonora fanno il resto.

Un film che consigliamo assolutamente, dopo il successo alla Festa del Cinema di Roma e prima ancora al Toronto International Film Festival. Possiamo sperare che Robert ci ripensi e che questo non sia davvero l’addio definitivo?

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.