Le notizie più aggiornate su cinema, serie e tv

Bryan Singer non è più il regista di Bohemian Rhapsody

L'addio a due settimane dalla fine delle riprese

0 559

La notizia non è del tutto improvvisa: alcuni giorni fa la 20th Century Fox aveva parlato di una sospensione produttiva, causata da una malattia non meglio identificata del regista. I portavoce del regista avevano così ribattuto: “Si tratta di una questione personale di salute, che riguarda Bryan e la sua famiglia. Bryan spera di tornare al lavoro subito dopo le ferie”. Adesso è ufficiale: Bryan Singer è stato licenziato da Bohemian Rhapsody, l’attesissimo film biografico su Freddie Mercury. Prima della conferma definitiva, alcuni avevano già dato come causa della separazione i crescenti dissapori tra Singer e il protagonista Rami Malek. Inoltre, il regista non si sarebbe ripresentato sul set dopo il weekend del Ringraziamento, portando la Fox all’allontanamento immediato.

La replica di Singer, in cui accusa la Fox e conferma la questione di salute, non si è fatta attendere. “Con meno di tre settimane di riprese rimaste, ho chiesto alla Fox un po’ di tempo libero per poter tornare negli Stati Uniti e occuparmi degli urgenti problemi di salute di un mio genitore. Sfortunatamente, lo Studio non ha voluto venirmi incontro e mi ha licenziato. Questa decisione non è stata presa da me ed era al di fuori del mio controllo. Le voci secondo cui il mio allontanamento dal film sarebbe stato scatenato da una disputa avuta con Rami Malek non sono vere. Volevo solo finire questo progetto e aiutare a rendere onore all’eredità di Freddie Mercury e dei Queen, ma Fox non mi ha permesso di farlo perché ho dovuto mettere temporaneamente la mia salute e quella dei miei cari davanti a tutto”.

Leave A Reply

Your email address will not be published.